Roberto's Tip: Pianificazione della gara

Stiamo entrando nell'ultima fase di preparazione dell'EngadinUltratrail: se non l'hai ancora fatto, è il momento di studiare il percorso in dettaglio. Studia il profilo altimetrico; potresti portare con te una copia stampata del profilo, o memorizzarlo sul tuo cellulare per poterlo controllare durante la gara.



Come sono i primi chilometri? Sono pianeggianti, la corsa inizia con una salita, oppure con una in discesa? Come vuoi partire: correre o camminere per i primi chilometri? Ti consiglio di iniziare lentamente: il tuo corpo deve capire che gli stai chiedendo di “lavorare”. Esercizi di riscaldamento prima della partenzati aiuteranno a preparare adeguatamente il tuo corpo.


Analizza anche le salite: sono corte, lunghe, intermittenti? A dipendenza di questi fattori dovrai affrontare la salita con un ritmo diverso. Prima delle salite più lunghe vale la pena di mangiare qualcosa. Verifica anche dove si trovano i punti di ristoro e cosa offrono. L’offerta può in effetti variare a seconda della postazione. E prendi nello zainetto il tuo cibo preferito: se avrai una crisi, ti "tirerà su". Ipotizza il “worst case”: potresti avere delle crisi, quindi anticipa possibili strategie, per esempio visualizzando vittorioso arrivo!


Dividi il percorso in sezioni e concentrati sempre e solo sulla prossima sezione: per esempio la fine di una salita, un villaggio, un punto di ristoro, l'incontro con amici o familiari, ecc. Pianifica su quali sezioni del percorso puoi correre un po' più velocemente e su quali puoi tirare il fiato.


Ora puoi diminuire il tuo carico di allenamento, in previsione della tua gloriosa giornata in Engadina: non esagerare, le sessioni perse non puoi più recuperarle. E controlla di nuovo la lista dell'equipaggiamento obbligatorio, verifica il tuo materiale e attendi con piacere la tua partecipazione!



51 visualizzazioni0 commenti